M5S, Malerba: “Guide turistiche, stop alle tariffe selvagge. Regione garantisca trasparenza”

“La mancanza di regole certe nel settore delle guide turistiche in Campania, si sta riverberando in una guerra tra addetti al settore, il cui obiettivo è quello far lievitare alle stelle le tariffe per le visite guidate. A pagarne le conseguenze, di tasca propria, sono i tantissimi turisti che affollano i nostri invidiati siti culturali.

Da una recente inchiesta del Mattino è emerso addirittura che il prezzo per una visita agli Scavi di Pompei può arrivare fino alla cifra record di 250 euro per due sole persone. Se non è un furto in piena regola, poco ci manca, perpetrato con la complicità della Regione Campania, a cui spetterebbe il compito di garantire ogni forma di trasparenza possibile nei servizi forniti ai turisti”. E’ quanto denuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Tommaso Malerba, firmatario di un’interrogazione alla giunta regionale nella quale, ricordando che “per effetto della liberalizzazione della professione concede la facoltà alle guide turistiche di stabilire la cifra del proprio compenso, i visitatori sono costretti a procedere a serrate trattative”, chiede che “anche in Campania, come già accade da tempo nel Veneto e nelle Marche, vengano definite tariffe minime e massime per la prestazione della guida turistica e che le stesse siano rese pubbliche attraverso il sito istituzionale della Regione e su appositi cartelli posti sulle vie di accesso di siti culturali, musei e parchi archeologici. Una soluzione di buonsenso che metta fine a una speculazione giocata troppo spesso sulla pelle dei turisti e a una guerra a far alzare i prezzi che, a lungo andare, rischiano di costituire un deterrente per il turismo”.


banner newsletter

Error: No articles to display