M5S: “Dopo il figlio, via anche il padre. Vogliamo tutti i De Luca e i loro uomini fuori dalle istituzioni”

“Il figlio assessore l’abbiamo fatto fuori. Ed è solo l’inizio di una più ampia opera di repulisti. Non ci basta che i De Luca siano fisicamente fuori dalle istituzioni.

Vogliamo che se ne vadano anche tutti i loro uomini, politici e amministratori eterodiretti dal governatore della Campania. E questo accade da decenni nelle stanze del Comune di Salerno e da due anni e mezzo anche alla Regione Campania. Cacciamo questo virus che sta avvelenando le istituzioni regionali e che, da quanto emerge dall’ultima inchiesta che vede coinvolti esponenti di destra e sinistra, sta assassinando anche le nostre terre”. Così il Movimento 5 Stelle Campania, che domani, lunedì 19, alle ore 11.30, darà vita a un’iniziativa pubblica per invocare la cacciata della dinasty dei De Luca dalle istituzioni. Parlamentari, candidati, portavoce e attivisti daranno vita, nelle stesse ore, a due presidi. L’uno, nei pressi di Palazzo Santa Lucia a Napoli, sede della Regione Campania, per chiedere le dimissioni del governatore Vincenzo De Luca. L’altro, davanti alla sede del Comune di Salerno dove chiederanno che siano accolte le dimissioni di Roberto De Luca, assessore al Bilancio, indagato per corruzione, e che si faccia pulizia di tutti gli uomini dei De Luca a Palazzo di Città. A mezzogiorno in punto, esponenti M5S in tutto il paese e tutti i cittadini che vorranno aderire all’iniziativa, si collegheranno dai loro smartphone con il sito Fanpage.it per visionare il video che ha per protagonista De Luca jr, uno dei servizi di una più ampia inchiesta della testata web grazie alla quale è scaturita l’ultima indagine della Procura di Napoli che ha fatto luce su un potenziale giro di appalti pilotati e su un sistema di tangenti e traffico di rifiuti, con la connivenza di clan della camorra e la complicità di politici.


banner newsletter

Error: No articles to display