Legge sui rifiuti, il caos. M5S: "La maggioranza è in confusione"

“Fin dalla campagna elettorale De Luca aveva più volte manifestato le sue intenzioni di riforma del sistema di gestione dei rifiuti in Campania".

Registriamo ancora una volta che De Luca e la sua maggioranza di centrosinistra hanno perso tempo riducendosi agli sgoccioli per l'approvazione di un provvedimento che per la complessità e la portata del tema avrebbe richiesto più calma nell'essere affrontato”. A parlare è Vincenzo Viglione, consigliere del Movimento Cinque Stelle e segretario della Commissione Ambiente. “Il nostro atteggiamento resta quello di provare in ogni modo a migliorare un testo che alla prima lettura suscita diverse perplessità sulla governance e sulla salvaguardia dei livelli occupazionali. E lo faremo come fatto fino a oggi su altri provvedimenti di legge avendo come riferimento principale la voce dei cittadini così come accaduto per il biodigestore di Alife”. “Un tema sul quale i cittadini hanno visto riconosciuto il proprio peso all'interno delle istituzioni - sottolinea - grazie all'azione iniziata già a livello nazionale con interrogazione della senatrice Vilma Moronese e proseguita in ambito regionale con la nostra interrogazione presentata ai vertici di Palazzo Santa Lucia”. “Per questo motivo, accogliamo con favore la risoluzione approvata all'unanimità oggi in Commissione Ambiente - spiega - che impegna la Giunta regionale a rispettare la volontà popolare, anche in virtù del No espresso dalla Commissione locale per il paesaggio, contro il biodigestore di Alife”. “A questo punto ci aspettiamo un'azione rapida - conclude - e in tempi stretti da parte della Giunta affinché adotti tutti i provvedimenti del caso per scongiurare l'ennesimo potenziale disastro per il territorio dell'Alto Casertano”.